start portlet menu bar

Web Content Viewer

end portlet menu bar

NUOVE REGOLE EUROPEE IN MATERIA DI DEFAULT

start portlet menu bar

Web Content Viewer

end portlet menu bar

Cosa cambia dal 1° ottobre?

 

Dal 1° ottobre 2020 il Gruppo Banca Carige applicherà le nuove regole europee in materia di classificazione di un cliente  inadempiente rispetto a un credito concesso dalla banca (cosiddetto "default"), introdotte dall'Autorità Bancaria Europea (EBA) e recepite a livello nazionale dalla Banca d’Italia.

La nuova disciplina, nota come “Nuova Definizione di Default”, stabilisce criteri più restrittivi rispetto a quelli finora adottati sulle modalità di rimborso dei crediti da parte dei clienti, con l’obiettivo di uniformare le regole a livello comunitario.

 

 

Perché è importante conoscere le nuove regole?
 

Essere informato sulle nuove logiche è fondamentale per evitare di essere classificato come inadempiente e incorrere nelle eventuali azioni di recupero del credito da parte della banca, anche per sconfinamenti su conto corrente o per arretrati di pagamento di piccolo importo che attualmente non generano conseguenze in termini di classificazione.

start portlet menu bar

Web Content Viewer

end portlet menu bar
start portlet menu bar

Web Content Viewer

end portlet menu bar

LE PRINCIPALI NOVITÀ

 

 

 QUANDO SCATTA L'INADEMPIENZA

 

Regole attuali
Il passaggio a default avviene se la soglia di rilevanza è superata per oltre 90 giorni consecutivi.
La soglia di rilevanza è pari al 5% del maggiore dei due valori:
-    media delle quote scadute o sconfinanti sull’intera esposizione rilevate su base giornaliera nell’ultimo trimestre precedente
-    quota scaduta o sconfinante sull’intera esposizione riferita alla data della segnalazione

 

Nuove regole
Il passaggio a default avviene automaticamente se entrambe le componenti della soglia di rilevanza sono superate per oltre 90 giorni consecutivi.
La soglia di rilevanza è caratterizzata dalle seguenti componenti:
-    assoluta = 100 euro
-    relativa = 1% dell’esposizione complessiva


 

 QUANDO TERMINA L'INADEMPIENZA

 

Regole attuali
Lo stato di default decade a partire dal momento in cui il cliente rientra dallo sconfino e/o ripiana i pagamenti arretrati

 

Nuove regole
Lo stato di default permane per almeno 90 giorni dal momento in cui il cliente rientra dallo sconfino e/o ripiana i pagamenti arretrati


 

 COMPENSAZIONI TRA LE DIVERSE POSIZIONI DEL DEBITORE NEI CONFRONTI DELLA BANCA

 

Regole attuali
Ammissibili

 

Nuove regole
Non ammissibili, anche in presenza di disponibilità su altre linee di credito non utilizzate dal cliente


 

 CONTAGIO DEL DEFAULT TRA CLIENTI CONNESSI

 

Regole attuali
In base a valutazione della banca

 

Nuove regole
In caso di cointestazioni (per esempio aperture di credito in conto corrente, mutui, etc.) la classificazione a default del cliente ha anche conseguenze negative per i cointestatari


 

start portlet menu bar

Web Content Viewer

end portlet menu bar

Classificazione a default: quali conseguenze comporta

 

Con le nuove regole, dal 1° ottobre 2020, uno sconfinamento di conto corrente superiore a 100 euro protratto per oltre 90 giorni, che rappresenti più dell’1% del totale delle esposizioni verso la banca, potrebbe in futuro rendere più difficile l’accesso al credito bancario per il cliente e per eventuali cointestatari.


Come prepararsi alle nuove regole

 

Posto che prima di sottoscrivere un prestito è bene essere certi di poterlo rimborsare (anche alla luce di eventuali altri debiti precedenti, di possibili imprevisti come la perdita di una entrata rilevante o spese improvvise) una volta contratto è importante fare riferimento ad alcuni consigli:

 

  rispetta le scadenze ed evita di accumulare arretrati, anche di modeste entità

 

pianifica entrate ed uscite mensili, tenendo sempre aggiornato il bilancio familiare

 

verifica frequentemente i saldi dei conti correnti e delle carte di credito

 

  evita di ricorrere a troppi prestiti contemporaneamente, anche di piccolo importo, prestando attenzione alle condizioni proposte

 

  se hai difficoltà con i rimborsi rivolgiti in filiale per valutare insieme possibili soluzioni

 

  tieni sotto controllo la situazione dei rapporti cointestati, anche di quelli non gestiti in prima persona.

 

 

Vuoi approfondire l'argomento? Prendi appuntamento in filiale per scoprire la soluzione giusta per le tue esigenze.

 

start portlet menu bar

Web Content Viewer

end portlet menu bar