Contenuto complementare
${loading}
Banca Carige utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) per offrirti la migliore esperienza di navigazione e proporti contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie. Per dettagli sui cookie o per bloccarne l'installazione clicca qui.

Festival della Cultura Creativa

Il Gruppo Banca Carige partecipa, sin dalla prima edizione nel 2014, al Festival della Cultura Creativa, una manifestazione promossa dall’ABI (Associazione Bancaria Italiana) per avvicinare i bambini e i ragazzi alla cultura e stimolarne la creatività.

Il Festival vede il coinvolgimento di numerose banche presenti sul territorio nazionale e la partecipazione diretta di scuole, associazioni culturali, musei e biblioteche.

Una settimana ricca di attività (laboratori, concerti, visite a musei, ecc.) che si sviluppano su un tema generale, diverso ogni anno, che ogni banca interpreta secondo le proprie specificità e quelle del territorio in cui opera.

L'obiettivo è incoraggiare un atteggiamento aperto, senza troppi vincoli, in un’ottica di ricerca, scambio e condivisione, una vera “Festa della cultura e della creatività”.


EDIZIONE 2018

Il filo conduttore della V edizione è:

 

Che capolavoro! 

Il patrimonio culturale europeo come radice comunitaria di memoria, identità, dialogo, coesione, creatività, futuro.



Banca Carige, grazie alla collaborazione con il Museo Diocesano di Genova, ha declinato questo  tema mettendo a punto un progetto didattico dal titolo “Scudi genovini e denari – le ‘armi’ del mercante genovese”. 

Sono circa 150 gli alunni delle scuole medie genovesi coinvolti nella settimana dal 16 al 22 aprile.

L’obiettivo è quello di mettere in relazione la collezione di arte e numismatica di Banca Carige con il circuito artistico-culturale formato dalla Cattedrale di San Lorenzo e dai musei ad essa collegati (in particolare, il Museo Diocesano), situati nelle immediate vicinanze della Sede di Carige. Verrà utilizzato come elemento di “scambio” la storia della moneta genovese. Questa, che  rimanda al protagonismo dei mercanti e dell’economia commerciale e finanziaria nell’antica Repubblica aristocratica, diventa anche tramite per ripercorrere la storia politica, economica e religiosa di una città che nella Cattedrale si riconosceva.

I ragazzi vengono condotti alla scoperta del “mondo” delle monete genovesi, argomento trasversale che permette di toccare tematiche diverse: la moneta come emblema della città, il valore delle principali monete genovesi,  i “cambi”, il commercio, le tecniche artistiche e i materiali per creare una moneta.

Viene analizzata la presenza della moneta, il ruolo e il valore morale rivestito dal denaro all’interno delle opere d’arte conservate da Banca Carige, dal Museo Diocesano e dalla Cattedrale di San Lorenzo.  

L’iniziativa prevede visite guidate nei luoghi oggetto del progetto nonché laboratori ed attività nei quali verranno utilizzati, tra gli altri,  punzoni, conii e riproduzioni di banchi cambiavalute medievali affinché  gli studenti possano esplorare e capire il “mondo” della moneta e dei “cambi”.