Contenuto complementare
${loading}
Banca Carige utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) per offrirti la migliore esperienza di navigazione e proporti contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie. Per dettagli sui cookie o per bloccarne l'installazione clicca qui.

Festival della Cultura Creativa

Il Gruppo Banca Carige partecipa, sin dalla prima edizione nel 2014, al Festival della Cultura Creativa, una manifestazione promossa dall’ABI (Associazione Bancaria Italiana) per avvicinare i bambini e i ragazzi alla cultura e stimolarne la creatività.

Il Festival vede il coinvolgimento di numerose banche presenti sul territorio nazionale e la partecipazione diretta di scuole, associazioni culturali, musei e biblioteche.

Una settimana ricca di attività (laboratori, concerti, visite a musei, ecc.) che si sviluppano su un tema generale, diverso ogni anno, che ogni banca interpreta secondo le proprie specificità e quelle del territorio in cui opera.

L'obiettivo è incoraggiare un atteggiamento aperto, senza troppi vincoli, in un’ottica di ricerca, scambio e condivisione, una vera “Festa della cultura e della creatività”.

 

EDIZIONE 2016

Il tema della terza edizione è “Abitare sottosopra – scoprire e sperimentare come si sta dentro  i luoghi, l’arte e le emozioni”,  per accompagnare i bambini lungo un viaggio alla scoperta della relazione con se stessi, con l’altro e con l’ambiente, stimolando l’immaginazione, l’emotività e la creatività.

Banca Carige S.p.A. collabora anche quest’anno con “Il sogno di Tommi”, un’associazione di promozione sociale genovese, iscritta al Registro Regionale del Terzo Settore accreditata come Ente collaboratore dell’Istituto Giannina Gaslini.  

Gli studenti genovesi coinvolti nella settimana dal 2 all’ 8 maggio sono più di trecento. Ogni classe è coinvolta in “laboratori espressivi”  che accompagnano i bambini in un’esperienza in cui il corpo è protagonista. Attraverso giochi ed esercizi teatrali, gli studenti sperimentano lo “spazio dentro”, le proprie emozioni, i propri pensieri e i propri vissuti, e “lo spazio fuori”, le relazioni con gli altri, i luoghi e gli spazi.

I giovanissimi protagonisti sono invogliati a manifestare la massima libertà espressiva inventando trame e protagonisti di una rappresentazione teatrale che culmina nella realizzazione di un filmato.