Giappone

Nella prima settimana regolare di contrattazioni del nuovo anno, il mercato azionario giapponese ha visto prevalere le prese di beneficio dopo che sul finire del 2013 aveva più volte toccato i massimi da oltre 5 anni.
La propensione a realizzare i recenti guadagni potrebbe secondo gli analisti essere di breve durata, dal momento che un motivo chiave di sostegno, e cioé la debolezza dello yen, resta presente: grazie a ciò si confermano solide le prospettive sui profitti di aziende esportatrici, largamente rappresentate negli indici di riferimento.

Nel fondamentale rapporto col dollaro, lo yen ha raggiunto quota 105, il che significa un rafforzamento di circa 10% della valuta USA dal novembre 2012. La probabile divergenza delle politiche monetarie nei due paesi sembra recitare un ruolo primario: mentre la Federal Reserve si appresta a ridurre il programma di immissione di moneta contro titoli, la Banca del Giappone ha mantenuto appieno il proprio programma espansivo.

Principale indice azionario giapponese: chiusura settimanale e performance da inizio 2013 in yen:
Indice Valore Performance
NIKKEI 15912,06 48.9
Massimi e minimi principale indice azionario giapponese dal 1 gennaio 2013
  MAX data MIN data
NIKKEI 16291,31 30-dic-13 10486,99 23-gen-13

Performance media a 12 mesi in Euro per alcune categorie di Fondi Comuni di Investimento di diritto italiano che investono (in tutto o in parte) nei mercati giapponesi (indici Fideuram al 29 Novembre 2013):
Obbligazionari Area Yen: -24,07 %
Azionari Area Pacifico: +7,31 %

Indicatori Macroeconomici Giappone


Prodotto interno lordo (3° trimestre 2013 / 3° trimestre 2012): +2,4%
Produzione industriale (Novembre 2013 / Novembre 2012): +5,0%
Tasso di disoccupazione (Novembre): +4,0%
Prezzi alla produzione (Novembre 2013 / Novembre 2012) +1,0%
Vendite al dettaglio (Novembre 2013 / Novembre 2012): +4,0%
Bilancia commerciale (Ottobre 2013 - Ottobre 2012 cumulativo) -101 md $