Azionisti

Governance

Banca CARIGE adotta un sistema di Governance conforme a quanto previsto dalla legge, dalla normativa CONSOB e BANCA D'ITALIA, ed in armonia con i contenuti del Codice di Autodisciplina delle Società Quotate di Borsa Italiana cui la Banca ha aderito, allo scopo di assicurare la corrispondenza della propria azione ai valori ed alle migliori prassi diffusi a livello internazionale.

Assemblea degli azionisti

L'Assemblea degli azionisti è il luogo privilegiato per l'instaurazione di un proficuo dialogo tra azionisti e Consiglio di Amministrazione. A tal fine è assicurata la regolare partecipazione degli Amministratori e del Collegio Sindacale ai lavori assembleari ed è adottato un apposito regolamento finalizzato a garantire l'ordinato e funzionale svolgimento delle Assemblee, nel rispetto del fondamentale diritto di ciascun socio di richiedere chiarimenti sui diversi argomenti in discussione, di esprimere la propria opinione e di formulare proposte.

Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio di Amministrazione presiede al rispetto della Missione aziendale, alle scelte strategiche, alle politiche aziendali ed alla fissazione degli obiettivi sociali. Al fine di assicurare la massima trasparenza e un'adeguata rappresentatività anche degli azionisti di minoranza, lo Statuto della Banca prevede che la nomina del Consiglio di Amministrazione avvenga attraverso il meccanismo del voto di lista. Il Consiglio di Amministrazione riferisce, con cadenza trimestrale, al Collegio Sindacale in merito all'attività svolta ed alle operazioni di maggior rilievo economico, finanziario e patrimoniale, effettuate dalla società o dalle controllate; in particolare, riferisce sulle operazioni nelle quali gli Amministratori abbiano un interesse, per conto proprio o di terzi, fermo restando quanto disposto dall'art. 2391 del Codice Civile in materia di interessi degli Amministratori.

Collegio Sindacale

Il Collegio Sindacale svolge i compiti ad esso attribuiti dalla legge, dallo Statuto, dalle norme di vigilanza e regolamentari applicabili, nonché dal Codice di Autodisciplina delle Società Quotate cui la Banca abbia aderito, avvalendosi per lo svolgimento delle verifiche e degli accertamenti necessari anche delle strutture e delle funzioni di controllo interne alla Banca. In particolare il Collegio Sindacale vigila sull'osservanza delle norme, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione e, per gli aspetti di propria competenza, sull'adeguatezza degli assetti organizzativi e contabili della Banca. Al fine di garantire la massima trasparenza, anche il Collegio Sindacale è composto da membri eletti dall'Assemblea con il meccanismo del voto di lista.

Sistema di Controllo Interno

La Banca, attraverso il proprio management operativo e le funzioni di controllo interno, fa sì che l'attività aziendale sia ispirata a criteri di efficacia, efficienza ed economicità, assicurando altresì la conformità degli adempimenti alle normative interne ed esterne. Il Consiglio di Amministrazione ha la responsabilità del Sistema di Controllo Interno, del quale fissa le linee di indirizzo e verifica la completezza, la funzionalità e l'adeguatezza.

Comitato Controllo e Rischi

Il Consiglio di Amministrazione ha costituito al proprio interno il Comitato Controllo e Rischi, con funzioni consultive e propositive, in particolare di assistenza al Consiglio nelle valutazioni e nelle decisioni relative al sistema di controllo interno e di gestione dei rischi.
Al Comitato Controllo e Rischi sono state attribuite le funzioni che il "Regolamento recante disposizioni in materia di operazioni con parti correlate" adottato dalla Consob e le disposizioni in materia di "Attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti di soggetti collegati" emanate dalla Banca d’Italia prevedono in capo ad un comitato interno al Consiglio di Amministrazione.

Organismo di Vigilanza

Nello svolgimento dei suoi compiti ex D.Lgs. 231/2001, l'Organismo – avvalendosi di autonomi poteri di iniziativa e controllo – acquisisce le informazioni ritenute rilevanti, avvalendosi delle strutture aziendali di volta in volta considerate competenti in relazione a singole fattispecie, e vigila sull'osservanza dei modelli organizzativi di cui al citato decreto e sul loro costante aggiornamento. L'Organismo riferisce con periodicità regolare al Consiglio di Amministrazione circa i risultati della propria attività. Ciascun dipendente o collaboratore può segnalare per iscritto e in forma non anonima ogni ritenuta violazione del Codice Etico. All'Organismo spetta anche il compito di segnalare al Consiglio di Amministrazione l'opportunità di procedere a revisioni o affinamenti del Codice Etico.

Sistemi di remunerazione

CARIGE si impegna ad ispirare a criteri di eticità e trasparenza le remunerazioni dei vertici aziendali e di tutti i dipendenti, inclusi gli operatori di mercato ed i traders, nel rispetto della normativa tempo per tempo vigente e delle istruzioni fornite al riguardo dall'Autorità di Vigilanza. A tal fine si impegna ad adottare politiche di remunerazione che assicurino una struttura dei compensi equilibrata nelle sue diverse componenti, chiaramente determinata, coerente con la prudente gestione della Banca e del Gruppo, con i loro obiettivi anche di lungo periodo e con il quadro congiunturale, fermo restando che adeguati meccanismi di remunerazione e di incentivazione consentono di attrarre e mantenere nell'azienda soggetti aventi professionalità e capacità adeguate.