Raffaele Collina

Raffaele Collina, noto come "il romagnolo di Vado" (Faenza (Ravenna),1899 - Campo ligure (Ge),1968), fratello di Libero anch'egli pittore e ceramista, ha passato gran parte dell'infanzia a Ravenna e si è diplomato all'Istituto Industriale Aldini di Bologna. Nel 1916 si è trasferito a Vado Ligure (SV) che diventerà la sua terra d'elezione. Dopo la prima guerra mondiale, dal 1921 completa la sua formazione artistica presso l'Accademia Ligustica di Genova dove nel 1949 è stato nominato Accademico di Merito. Si è espresso dedicandosi alla pittura figurativa del Novecento prediligendo le figure, il paesaggio, spesso definito da una accentuata propensione tonale cromatica, e gli interni, guardando all'arte di Felice Casorati e di Felice Carena, presente con lui alla Biennale di Venezia del 1926. Fondamentale fu l'incontro con lo scultore Arturo Martini, anch'egli attivo a Vado Ligure, con il quale è stato legato da una grande amicizia. Nel 1940 fu chiamato in guerra ed inviato come capitano di fanteria in Africa, dove fu catturato dagli Inglesi e trasferito come prigioniero a Bohpal in India, dove rimase per cinque anni. Questo "omaggio"del mese di settembre 2017 è proprio dedicato alla sua produzione che fece durante la prigionia, opere in gran parte inedite e che servono ad aggiungere un tassello sulla conoscenza di quel suo periodo. Insieme a numerosi altri artisti del savonese ha fondato il "Gruppo della Goletta". Si è dedicato con successo pure all'arte della ceramica collaborando con la Fabbrica di Mazzotti a Albissola Mare tra il 1920 e il 1930 e nella fornace di Ivos Pacetti, già a partire dal 1950. Sempre in quel periodo, ha utilizzato anche i laboratori della fabbrica "Manifattura Ceramiche Italia" di proprietà di Ugo Michielotto. Nel 1954 partecipa al Premio Internazionale della Ceramica organizzato a Villa Gavotti (Albissola Marina) e la sua opera viene acquistata dal Museo dell'Artigianato di Firenze. Ha avuto una intensa attività espositiva sia in Italia che all'estero: dal 1923 al 1955 frequenti partecipazioni alle esposizioni della Società Promotrice di Genova, prende parte a numerose edizioni della Biennale di Venezia espone, inoltre, a cinque Quadriennali di Roma. A Savona, tra le altre opere, ricordiamo i suoi affreschi nella Sala della Giunta Municipale e quelli creati nella Sala Matrimoni del Comune di Savona di cui l'Associazione "Aiolfi" si è occupata con un testo critico di Silvia Bottaro, stampando "Bloc-notes" n. 4/2016.

Periodo espositivo: dal 4 settembre 2017 al 3 ottobre 2017
Inaugurazione: 4 ottobre 2017, ore 10
Organizzazione: Associazione culturale "R. Aiolfi" no profit, Savona
Curatore: Dr.a Silvia Bottaro


In corso

Giacomo Molinelli
Inaugurazione: 3 novembre 2017, ore 10
Periodo espositivo: dal 3 novembre 2017 al 1 dicembre 2017

Gli artisti ospitati

Visualizza le altre esposizioni:

Banca Carige utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) per offrirti la migliore esperienza di navigazione e proporti contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie. Per dettagli sui cookie o per bloccarne l'installazione clicca qui.
chiudi
chiudi
chiudi